Etichettato: Lazzi

Il Fatto della Settimana

Sesta puntata: Viola Buongusto

SIGLA INIZIALE

Buongiorno a tutti, per la rubrica: Il Fatto della Settimana, incontriamo oggi la signora..

Viola..

Vuole dirci anche il suo cognome?

Buongusto.

Viola Buongusto?

Non sono parente di Fred, però.

Ha fatto bene a precisarlo.

Eh sì, perché quando dico che mi chiamo Viola Buongusto, tutti mi guardano strano perché dentro di loro si chiedono: Ma questa, sarà parente di Fred? Allora io lo dico subito, quando la gente mi guarda strano, così non restano col dubbio.

Leggi l’intervista

Il Fatto della Settimana

Quinta puntata: Il Ritrattista

SIGLA INIZIALE

Buongiorno a tutti, per la rubrica:Il fatto della settimana, incontriamo oggi il signor..

Paolo Uccello.

Cioè, lei si chiama come il famoso pittore del Rinascimento?

Sì. O meglio: no.

Temo di non capire.

Paolo Uccello non si chiamava Paolo Uccello; era un soprannome. Lui si chiamava Paolo di Dono. Io invece mi chiamo proprio “Paolo” di nome e “Uccello” di cognome.

Leggi l’intervista

Il Fatto della Settimana

Terza puntata: l’imprenditore

SIGLA INIZIALE

Buongiorno a tutti, per la rubrica: Il fatto della settimana, incontriamo oggi il signor..

Enrico Mincio..

Cosa?

Cosa che?

Ha detto che ricomincia: cosa?

No, è il nome: mi chiamo Enrico, Mincio. Enrico di nome, Mincio di cognome.

Ah, capisco: mi scusi.

Figùrati: non sei mica il primo che si sbaglia. Di solito, mi chiamano tutti Rico.

Leggi l’intervista

Una strana partita di Poker

Gioco di parole e d’azzardo

L’unica luce, nella sala, era la lampada sopra il tavolo verde.
L’aria era resa acre dal fumo di innumerevoli sigarette.
– Puntate, disse il comandante del plotone di esecuzione.
Dopo che tutti ebbero puntato, l’agente del controspionaggio disse alla spia:
– Dài le carte.
La spia, diede le carte.
– Non apro, disse la vecchietta diffidente.
– Chip, disse l’ornitologo.
– Ci sto, disse la sgualdrina.
– Io no, disse la donna di saldi principii.
Leggi l’articolo

Del modo corretto di chiedere un caffè

Come difendersi da un barista filologo

da una fisima di Marzia Turcato

Gabriele non è un cattivo ragazzo: è solo sottoccupato.
Un paio d’anni fa si è laureato in Lettere con una tesi dal titolo: “Elementi attuali nell’opera filologica di Costantino Arlìa” (dice: Come fai, a saperlo? Non lo sapevo: gliel’ho chiesto questa mattina, quando l’ho visto) che gli è valsa financo la lode, ma, per vivere, fa il barista alla tavola calda sotto il mio ufficio.
Quando non è nervoso è una bravissima persona: gentile, educata e disponibile, ma se qualcosa lo innervosisce diventa intrattabile e, quel che è peggio, l’insoddisfazione che ristagna nel suo animo lo rende indisponente.
Leggi la storia

Giudicare un libro dalla copertina

Criterii snobistici per la valutazione delle opere letterarie

Don’t get shook out by the way I look
Don’t judge a book by the cover

Dr. Frank-N-Furter

If you judge a book by the cover
Then you judge the look by the lover

ABC – The Look Of Love

Si può giudicare un libro dalla copertina? È corretto farlo? Secondo alcuni no, ma secondo me, sì; anzi: è decisamente doveroso.
Leggi l’articolo